Violenza e Molestie nei Luoghi di Lavoro

Informazioni sul tema delle violenze e molestie sul luogo di lavoro, sui fattori di rischio e sulla valutazione dei rischi da violenza

Cosa si intende per violenza e molestie sul lavoro?

Per “violenza e molestie nei luoghi di lavoro” si intende un insieme di pratiche e comportamenti inaccettabili, oppure la minaccia di attuarli, sia in modo occasionale che ripetuto, che si prefiggano, causino o possano comportare un danno fisico, psicologico, sessuale o economico (Convenzione ILO 190/2019).

Mentre le definizioni esatte possono variare in base alla legislazione di ogni paese, in generale la violenza o le molestie sul posto di lavoro possono includere ad esempio:

  • Comportamenti minacciosi
  • Abusi verbali
  • Minacce scritte o verbali
  • Attacchi fisici
  • Molestie sessuali

Una particolare attenzione merita il fenomeno delle violenze di genere.

Inoltre le violenze si possono dividere, secondo l’Agenzia Europea Sicurezza e Salute (EU-OSHA) in:

  • Violenze di origine interna: Minacce, violenze fisiche, mobbing, molestie o altri atti violenti che vengano effettuate fra dipendenti
  • Violenze da terze parti: Minacce o violenze fisiche che derivino ai dipendenti dell’azienda da contatti con terze parti (clienti, pazienti, pubblico, ecc.)

L’interesse e la preoccupazione per gli effetti della violenza e delle molestie sul posto di lavoro sulla salute e la sicurezza dei lavoratori è cresciuta nell’ultimo decennio.

Sia la violenza da terze parti che le molestie possono avere gravi conseguenze negative per le persone colpite e le loro famiglie, i colleghi, le organizzazioni, così come per l’intera società.

La consapevolezza del problema è crescente, ma c’è ancora bisogno di incoraggiare una maggior diffusione degli strumenti e delle procedure per prevenire e gestire questi rischi.

Fattori che aumentano il rischio violenza e molestie

Vi sono fattori che possono aumentare il rischio di violenza o molestie sul lavoro. Ad esempio:

  • Lavorare a contatto con clienti o con il pubblico
  • Maneggiare denaro o oggetti di valore
  • Eseguire compiti di ispezione
  • Fornire servizi, cure o insegnamento
  • Lavorare in aree isolate
  • Lavorare da soli
  • Avere un posto di lavoro mobile
  • Lavorare con utenza svantaggiata
  • Lavorare a contatto con terze parti (es. pazienti, trasportatori)
  • Lavorare di notte o nei giorni festivi

Altri fattori rilevanti sono legati al tipo di cultura aziendale e agli stili manageriali, al clima organizzativo e allo stress lavoro-correlato.

Convenzione ILO sulla violenza e sulle molestie 2019

 La convenzione ILO n. 190 del 2019 è stata ratificata dal Senato italiano con legge n. 4/21 del 15 gennaio 2021, GU n. 20 del 26 gennaio 2021 “Ratifica ed esecuzione della Convenzione dell’Organizzazione internazionale del lavoro n. 190 sull’eliminazione della violenza e delle molestie sul luogo di lavoro, adottata a Ginevra il 21 giugno 2019 nel corso della 108ª sessione della Conferenza generale della medesima Organizzazione”.

Il testo della convenzione si può trovare sul sito dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro

Come si fa a valutare il  rischio di violenze o molestie sul lavoro?

Il rischio violenze e molestie fa parte di quelli che vengono chiamati “fattori psicosociali” di rischio.

La Convenzione ILO 190 ratificata dall’Italia dice che occorre valutare e gestire tale rischio all’interno della normativa per la salute e sicurezza sul lavoro.

Per prevenire violenze o molestie sul lavoro è quindi necessario effettuare una valutazione del rischio da violenza nei luoghi di lavoro, e individuare misure per la riduzione di tale rischio.

Per tale valutazione, le prassi richiedono un’analisi del rischio che riguardi diversi aspetti, sia oggettivi (ad es. natura del compito e condizioni di realizzazione, aspetti architettonici degli edifici, indicatori del fenomeno, analisi di alcuni processi aziendali) sia soggettivi (da valutare ad esempio tramite questionari o focus group).

prevenzione violenze lavoro

Valutazione Rischi da Violenza nei Luoghi di Lavoro

Basato sulle migliori prassi, sulle indicazioni delle agenzie internazionali, e sulla letteratura specialistica

Potrebbe interessarti