02.954205307 info@cesvor.com

Riduzione del rischio stress lavoro correlato

Come individuare in modo partecipato misure per la riduzione del rischio stress lavoro correlato, sulla base di una valutazione del rischio

Evitare le conseguenze negative dello Stress Lavoro Correlato

l

DEFINIZIONI DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

 

Lo stress lavoro-correlato è un fenomeno complesso che può essere definito attraverso declinazioni differenti:

  • Definizione tecnica: lo stress lavoro-correlato è una componente propria del contesto lavorativo, misurabile attraverso l’individuazione di parametri oggettivi.
  • Definizione fisiologica: lo stress lavoro correlato è una reazione individuale di adattamento alle situazioni esterne considerate minacciose.
  • Definizione psicologica: lo stress lavoro-correlato è una condizione psicologica inclusa in una più ampia rete di interazione tra la persona ed il contesto lavorativo.

La validità delle tre definizioni è supportata dalla letteratura specialistica, nonostante concepiscano lo stress lavoro correlato in modalità differenti.

Si tende a considerare lo stress lavoro-correlato, in diverse fonti, come una condizione in cui una persona percepisce uno scarto fra le richieste lavorative e la propria possibilità di soddisfarle.  Tale definizione predilige una visione soggettiva (la persona “percepisce”, non si tratta di un aspetto oggettivo), ma con antecedenti nell’organizzazione e nelle relazioni, quindi di tipo obiettivo.

N

OBBLIGO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

 

La valutazione del rischio stress lavoro correlato viene considerata una buona pratica organizzativa e deve essere applicata in Italia a norma del Decreto Legislativo 81/’08. Le fonti normative garanti dell’adempimento nei luoghi di lavoro della valutazione da rischio stress correlato sono:

  • L’Accordo interconfederale europeo del 2004 sullo stress lavoro-correlato
  • Il D.Lgs. 81/2008
  • La Circolare Interministeriale del 2010 che riporta le determinazioni della Conferenza Stato-Regioni e individua il livello minimo dell’ottemperanza all’obbligo sul rischio stress.

L’Inail ha messo a disposizione una metodologia standard per la valutazione del rischio stress lavoro correlato. La valutazione deve essere sempre e comunque condotta da figure esperte nella gestione del rischio stress lavoro correlato, in quanto ogni realtà organizzativa potrebbe presentare esigenze applicative di intervento diverse.
Cesvor utilizza un proprio metodo per la valutazione preliminare del rischio stress, in ottemperanza alle norme, fedele alle indicazioni INAIL e alle migliori prassi, e applicabile in ogni tipo di azienda. Nel seguito si narra un caso di applicazione del Metodo Cesvor.

Il caso aziendale

IL CONTESTO E LA RICHIESTA

 

Una multinazionale commerciale business-to-business chiedeva di individuare azioni per ridurre il rischio stress da lavoro, a valle anche di alcuni episodi che evidenziavano il problema.

A tal fine si è ritenuto opportuno effettuare un’analisi del rischio per individuare i fattori di rischio psicosociale e i gruppi maggiormente esposti, individuando a valle le misure di riduzione.

 

Settore: Commercio

Dipendenti: 200

Tipo intervento: Valutazione e gestione rischio stress lavoro correlato

Metodologie: Analisi organizzativa, Interviste, Questionari

Risultati: Riduzione dei sintomi organizzativi del rischio stress

 

QUALE INTEVENTO?

 

Analisi del rischio stress lavoro correlato: Fase preliminare

Dopo una riunione di avvio del progetto si è realizzata una raccolta di dati finalizzata all’individuazione di gruppi maggiormente esposti allo stress da lavoro correlato:

  • In prima istanza è stato costituito un gruppo di lavoro formato dai componenti delle funzioni aziendali principalmente interessate da fenomeno del rischio stress lavoro correlato;
  • Si è svolta una sessione di formazione rivolta al gruppo di lavoro individuato e coinvolto nella valutazione del rischio stress lavoro correlato, e diverse sessioni di informazione, della durata di 2 ore ciascuna, con tutto il personale sulla tematica della valutazione stress lavoro correlato;
  • Analisi dei fattori di contesto lavorativo condotta all’interno dell’organizzazione, grazie alla collaborazione di testimoni qualificati (direzione, responsabile del personale, medico competente, RSPP, RLS), inerenti aspetti organizzativi collegati allo stress lavoro correlato, alla sua genesi e alla sua gestione;
  • Analisi dei fattori di contenuto del lavoro, attraverso check list relativa alla ergonomia di ogni mansione (fisica, mentale, organizzativa);
  • Riunioni di accompagnamento al processo di raccolta dati;
  • elaborazione Eventi sentinella (“eventi di impatto”) del rischio stress lavoro correlato, ad esempio sul fenomeno infortunistico, il turnover, l’assenteismo, le cessazioni.

Analisi del rischio stress lavoro correlato: Fase di Approfondimento

La fase si è svolta nell’arco di quattro mesi, attraverso:

  • un questionario per indagare il clima organizzativo; lo strumento è stato sviluppato da Cesvor sulla base di strumenti esistenti, della letteratura, e del contesto aziendale specifico;
  • il test OPRA (Organizational Psychosocial Risk Assessment) di Magnani M., Mancini G.A., e Majer V. edito da Giunti O.S., per indagare il Rischio Psicosociale e lo Stress lavoro correlato;

La somministrazione dei due strumenti è avvenuta contestualmente, in modo anonimo tramite compilazione in gruppo assistita.

  • due Focus group con un campione rappresentativo di lavoratori dell’azienda in cui, oltre ad indagare le aree problematiche, sono state esaminate le risorse per il fronteggiamento dello stress lavoro correlato e i suggerimenti per possibili interventi di miglioramento.  In tali discussioni di gruppo si è provveduto a raccogliere un insieme di dati qualitativi. Attraverso un’attività di scelta di priorità per unanimità si è raccolto anche un insieme di dati quantitativi circa la criticità attribuita dai gruppi ad aspetti del lavoro.

Azioni di miglioramento

A seconda degli elementi soggettivi ed oggettivi raccolti, sono state pensate diverse azioni di miglioramento delle condizioni organizzative legate ai fenomeni di stress lavoro correlato.

Per meglio finalizzare le azioni necessarie e fare il punto sulle iniziative già intraprese, è stato fatto un incontro con tutto il personale presentare i risultati più salienti e discutere alcune possibili azioni da pianificare.

L’incontro ha avuto una durata di 4 ore circa e vi hanno partecipato 80 persone, le quali hanno preso visione dei risultati scaturiti dall’analisi del rischio stress lavoro correlato, partecipato ad un workshop per l’individuazione di suggerimenti per il miglioramento da parte del personale, e condiviso in plenaria delle proposte emerse nei sottogruppi.

Le azioni di riduzione del rischio proposte dai consulenti sono state poi discusse e pianificate in seno al gruppo di regia.

I RISULTATI

 

Attraverso il lavoro di analisi l’azienda ha ottenuto un insieme di misure per la riduzione del rischio stress lavoro correlato, con le seguenti caratteristiche:

  • condivise dal personale poiché è stato il personale, in sottogruppi, a produrre le proposte in modo partecipato;
  • fattibili in quanto basate sul punto di vista dei consulenti e del persoanale, ed esaminate dalla Direzione;
  • coerenti con la valutazione del rischio stress lavoro correlato, in quanto la produzione di proposte è stata strutturata attorno ai risultati della valutazione del rischio.

Altro valore aggiunto del progetto è stata la produzione di una conformità alla norma.

Inoltre l’azienda ha avuto a disposizione dati ed elaborazioni per impostare una propria politica di benessere organizzativo come miglioramento continuo, basata sulle migliori prassi e sulla letteratura specialistica.

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO