800 59 24 20 info@cesvor.com

Oppure Cesvor...

Il Metodo Cesvor: valutazione preliminare del rischio stress
l

In ottemperanza alle norme

Il metodo è focalizzato sulla “fase preliminare” della valutazione del rischio stress; secondo quanto indicato dall’Accordo Stato-Regioni analizza fattori di contesto, di contenuto, eventi sentinella

Protocollo messo a punto da Cesvor

Il protocollo è stato messo a punto sulla base delle migliori prassi, mirando ad una somministrazione semplice e veloce assieme ad un rigore metodologico

 

Benchmarking

La valutazione dei fattori di interesse per ciascun gruppo omogeneo avviene in base al confronto con un campione di più di 900 altri gruppi

Raccolta dati partecipata

Il metodo si basa su una rilevazione il più possibile obiettiva delle condizioni di lavoro e organizzative, in modo partecipato

Applicabile in ogni tipo di azienda

E’ stato utilizzato in aziende di ogni settore e di ogni dimensione, da poche unità a migliaia di dipendenti

Ottimizzato

Messo a punto con il supporto di dati empirici su un campione iniziale di più di 40 aziende, dal 2009

Quali dimensioni vengono considerate nella valutazione?

Fattori di contenuto

Luogo e ambiente di lavoro

Postazione di lavoro

Metodi per lo svolgimento del compito

Strumenti e attrezzature manuali

Carico mentale

Aspetti sociali e organizzativi

Carico visivo

Fattori di contesto

Struttura organizzativa
Cultura organizzativa
Valutazione delle prestazioni
Progettazione dei compiti
Gestione dei cambiamenti
Comunicazione interna
Sviluppo e progressione di carriera
Formazione
Gestione organizzativa dell’autonomia
Presidio degli aspetti relazionali
Interfaccia casa-lavoro

Eventi sentinella

 

Infortuni

Provvedimenti disciplinari

Tasso di malattia

Turnover negativo

Visite mediche straordinarie

Altri indicatori sono concordati con l’azienda, anche di tipo positivo (es. formazione svolta)

 

Che tipo di dati vengono raccolti?

w

Qualitativi

Di tipo discorsivo, derivanti dalle descrizioni ottenute tramite sopralluoghi e interviste semistrutturate. Una parte della reportistica è qualitativa e descrive in modo discorsivo quali sono i punti di forza e di miglioramento

Quantitativi

Attraverso punteggi sintetici e la comparazione con un benchmark di realtà analizzate in precedenza si ottengono dati quantitativi espressi in punti standardizzati (punti T), che possono evidenziare soglie di esposizione significative

Link a un Case history

Scopri un’applicazione del metodo preliminare Cesvor

Il corso Cesvor sul rischio stress

Vai alla pagina del corso sul metodo

Vuoi saperne di più?

Corso Valutazione e gestione del rischio stress in azienda

Vuoi contattarci?

Saremo in contatto con te entro 24 ore