Valutazione Rischio Stress Lavoro Correlato: Scegli il Nuovo Protocollo Cesvor

aggiornamento stress lavoro correlato completo

per un’analisi del rischio stress che include anche il metodo INAIL (2017) e guarda oltre

 

Una Valutazione del Rischio da Stress Lavoro Correlato Semplice, Veloce e Rigorosa

Scopri cos’è il Protocollo NCS di Cesvor

Il Nuovo protocollo Cesvor per il rischio Stress è un protocollo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato messo a punto da Cesvor sulla base dei 10 anni di raccolta dati precedente, per analizzare la presenza di potenziali fattori di stress. Inoltre comprende anche il metodo INAIL 2017, senza limitarsi a questo.

La valutazione preliminare comprende  l’analisi di:

  • Eventi sentinella (indicatori oggettivi di tipo amministrativo),
  • Fattori del Contesto ambientale relazionale organizzativo
  • Fattori di Contenuto del lavoro potenzialmente stressogeni.

Il protocollo Cesvor per la valutazione e la gestione del rischio stress lavoro-correlato permette inoltre di fornire indicazioni sulle misure di prevenzione necessarie.

logo Cesvor medio

Gruppi omogenei analizzati (fino al luglio 2020), che costituiscono il campione di riferimento

Settori industriali o di servizi in cui abbiamo esperienza

Fattori analizzati (12 di contenuto, 16 di contesto), oltre agli eventi sentinella

Perché Scegliere il Protocollo NCS di Cesvor?

l

In ottemperanza alle norme

Il metodo è maggiormente focalizzato sulla “fase preliminare” della valutazione del rischio stress; secondo quanto indicato dall’Accordo Stato-Regioni analizza (in modo obiettivo) fattori di contesto, di contenuto, eventi sentinella

Include il metodo INAIL 2017

La raccolta dati svolta con il protocollo consente di avere come output anche la checklist preliminare del metodo INAIL (2017), che viene applicato a maggiore documentazione formale della valutazione svolta

Ottimizzato

Messo a punto con il supporto di dati empirici su un campione iniziale di aziende, dal 2009. Nel 2020 è stata fatta una grande operazione di revisione del metodo basata sui dati raccolti nei 10 anni precedenti

Raccolta dati partecipata

Il metodo si basa su una rilevazione il più possibile obiettiva delle condizioni di lavoro e organizzative, tramite attività di auditing, con un livello di partecipazione che include un gruppo di regia e altri attori organizzativi

Applicabile in ogni tipo di azienda

E’ stato utilizzato in aziende di ogni settore e di ogni dimensione, da poche unità a migliaia di dipendenti. Nel metodo si tiene conto della diversità di azienda (di servizi o a vocazione industriale) e di gruppo omogeneo (operai, supervisori, impiegati, manager)

Coerente con la normativa tecnica

Il protocollo è pensato per l’integrazione nella ISO 45001, per la coerenza con le prassi della ISO 31000, per l’applicazione delle prassi indicate nella UNI EN IEC 31010. Tiene conto di altra normativa tecnica sullo stress, sul carico mentale

Vuoi maggiori informazioni?

Cosa Comprende il Protocollo NCS di Cesvor?

Include anche il metodo INAIL 2017

(la raccolta dati con il metodo Cesvor consente anche di avere come output la checklist preliminare INAIL)

N

Valutazione del rischio stress lavoro-correlato completa per quanto riguarda la fase preliminare

sia secondo il protocollo NCS sia secondo la modalità proposta da INAIL nel 2017

N

L’allineamento alle migliori prassi

rappresentate da norme tecniche volontarie (italiane e internazionali) e dalla letteratura specialistica

N

Il supporto da parte dei consulenti specialisti di Cesvor

N

Un utilizzo a fini di confronto dei dati presenti nella banca dati del campione storico

N

La possibilità di elaborazioni ulteriori e più approfondite

cerchi una Valutazione del rischio completa?

Che tipo di dati vengono raccolti?

Dati raccolti tramite un processo di auditing partecipato

E’ stata messa a punto una checklist che viene utilizzata nell’ambito di un processo di auditing (coerente con le prassi e i principi della ISO 19011) per un maggior rigore metodologico.

I dati raccolti sono trattati in modo quantitativo e comparati con il campione storico. Le annotazioni degli auditor sono la base per una reportistica anche qualitativa/discorsiva che consente di mettere in luce i punti di forza e di miglioramento.

resilienza organizzativa audit

Vuoi saperne di più?

La nostra esperienza è a vostra disposizione. Saremo in contatto con te entro 24 ore